HOME DEL SITO

Semiotica per la comunicazione d'impresa (LUMSA, 2017-2018)

Docente: Piero Polidoro
E-mail: p.polidoro@lumsa.it
Ricevimento: Gli orari di ricevimento e i relativi avvisi sono pubblicati sulla pagina web di Piero Polidoro sul sito della Lumsa. Verificate sempre eventuali aggiornamenti e/o spostamenti.

 Twitter: @piero_polidoro

Questo sito è stato realizzato da Piero Polidoro, che ne è responsabile. In nessun modo i contenuti di questo sito possono essere considerati di responsabilità dell’Università LUMSA.


Le informazioni contenute in questa pagina si riferiscono all'A.A. 2016-2017. Per le informazioni sui corsi precedenti, cliccate sull'anno accademico che vi interessa:
A.A. 2010-2011
A.A. 2011-2012
A.A. 2012-2013
A.A. 2013-2014
A.A. 2014-2015
A.A. 2015-2016
A.A. 2016-2017

Tutte le informazioni su questo corso (contenuti, programmi, esame, tesi) sono disponibili nel SYLLABUS

Indice della pagina

Programma e testi d'esame
Calendario delle lezioni svolte e slides
Competenze che gli studenti devono avere alla fine del corso (Descrittori di Dublino)
Tesi di laurea

Programma e testi d'esame

Per le informazioni sul programma e sui testi d'esame, visitate la pagina del corso sul sito ufficiale dei servizi per gli studenti.

Si ricorda che sono parte integrante del programma le slides che verranno usate a lezione dal docente e che verranno caricate on-line (vedi sotto).

Calendario delle lezioni svolte e slides

Lezioni 1 e 2 - Introduzione al corso (20 e 21 febbraio 2018)

Argomenti

Organizzazione del corso. Che cos'è la semiotica e come si applica alla comunicazione d'impresa. Brand: brand identity, brand purpose, brand image. Semiotica: i segni, i codici/linguaggi, i testi; significazione e comunicazione.

Da studiare

Pozzato, Capire la semiotica, Premessa e capitolo 1.

Slides delle lezioni

Video da vedere e studiare (dall'inizio a 20:15)

Simon Anholt è il più importante esperto mondiale di place branding (anche se non ama questa espressione, come scoprirete vedendo questo video). In questa conferenza tenuta presso il Parlamento europeo nel 2011 spiega cosa pensa dei concetti di comunicazione e, soprattutto, di brand. Anholt distingue tre aspetti del brand: la brand identity, la brand image e la brand purpose.



Da leggere/fare per la prossima lezione

Breve esercizio di "tagging" di una foto: vai all'esercizio online (è anonimo)

Leggere questo testo di Kendra Eash (è la parodia del testo verbale di un commercial di un brand ed è volutamente generico).

Lezioni 3 e 4 - La semiotica di Umberto Eco: enciclopedia, interpretazione, lettore modello; La connotazione (6 e 7 marzo 2018)

Argomenti

Il concetto di "enciclopedia" nella teoria di Umberto Eco; il "non detto"; il concetto di "lettore modello" e la sua applicazione alla pubblicità; denotazione e connotazione; l'analisi della pubblicità della pasta Panzani

Da studiare

Polidoro, Che cos'è la semiotica visiva, introduzione, capitolo 1, capitolo 2 (fino a pag. 32)

Slides delle lezioni 3 e 4

IMPORTANTE: da studiare e leggere per la prossima lezione (13 marzo)

Per la prossima lezione leggete queste due fiabe di magia della tradizione russa e cercate le analogie che le legano.

Gelo

Oche

Lezione 5 - Testo verbale e testo visivo (13 marzo 2018)

Argomenti

Il rapporto fra testo verbale e testo visivo secondo Barthes: l'ancoraggio; i tre tipi di ancoraggio; che cosa è la retorica; la retorica visiva.

Da studiare

Slides della lezione 5
Polidoro, Che cos'è la semiotica visiva, finire il capitolo 2
Pozzato, Capire la semiotica, capitolo 10

Lezione 6 - Introduzione alla narratività: Propp (14 marzo 2018)

Argomenti

Analisi in classe di alcuni spot pubblicitari (funzione metalinguistica). Introduzione alla narratività. Propp e l'analisi della fiaba di magia russa; le 31 funzioni narrative.

Da studiare

Slides della lezione 6

Testo di Propp (accesso riservato)

Compito a casa

Identificare le principali funzioni proppiane nelle fiabe "Gelo" e "Le oche cigno" (vedi file delle lezioni 3 e 4)
Soluzione

Lezione 7 - Il percorso generativo di Greimas; Le strutture discorsive (20 marzo 2018).

Argomenti

Il percorso generativo di Greimas: inquadramento generale. Il primo livello del percorso generativo: le strutture discorsive; temi, figure, ruoli tematici, spazializzazione, temporalizzazione.

Da studiare

Pozzato, Capire la semiotica, capitolo 6
Slides della lezione 7

Lezioni 8 e 9 - Il percorso generativo di Greimas: le strutture semionarrative superficiali (21 e 27 marzo 2018).

Argomenti

Il modello attanziale: 1) il soggetto e l'oggetto di valore; enunciati di stato; enunciati del fare; alcune tipiche situazioni narrative (furto, dono, scambio); la comunicazione partecipativa; analisi: come si fa la segmentazione di un testo; 2) gli altri attanti; rapporto attanti-attori; lo schema narrativo canonico; le modalizzazioni (modalità virtualizzanti e attualizzanti)

Da studiare

Polidoro, Che cos'è la semiotica visiva, capitolo 3, tranne il paragrafo 3.3
Pozzato, Capire la semiotica, capitolo 2
Slides delle lezioni 8-9

Per chi volesse approfondire: alcune indicazioni sono state inserite nell'ultima slide

Esercizio in autocorrezione (facoltativo)

Chi vuole può esercitarsi ad analizzare, sulla base del modello di Propp, questa fiaba:
Frolka il pigro (ad accesso riservato)

Indicate le funzioni presenti e i passi corrispondenti. Lunedì 26 marzo pubblicherò l'analisi schematica tratta dalla Morfologia della fiaba e potrete confrontare il vostro esercizio con l'analisi pubblicata. Ne parleremo a lezione.

Soluzione dell'analisi della fiaba "Frolka il pigro" (ad accesso riservato)

Lezione 10 - Strutture semio-narrative profonde; Grammatica dell'audiovisivo (28 marzo 2017)

Argomenti

Grammatica dell'audiovisivo: sequenze e inquadrature; scala dei campi e dei piani; movimenti di macchina; sonoro; come fare il découpage. Strutture semio-narrative profonde; il quadrato semiotico: i valori fondamentali della narrazione; il quadrato semiotico dal punto di vista semantico; il quadrato semiotico dal punto di vista sintattico.

Da studiare

Pozzato, Capire la semiotica, capitolo 3.
Slides delle lezioni
Grammatica dell'audiovisivo

Per la prossima volta (4 aprile): Esercizi sulla grammatica dell'audiovisivo

Dopo aver studiato le slides sulla grammatica dell'audiovisivo vi consiglio di fare questi due esercizi:
- un breve test online sulle inquadrature
- l'analisi delle inquadrature di una breve sequenza di "Caccia a Ottobre Rosso" (il link al video e la soluzione sono nelle slides).
Potete scaricare uno schema vuoto per esercitarvi.

Lezione 11 - Semiotica plastica (10 aprile 2018).

Argomenti

Semiotica visiva: aspetti figurativi e aspetti plastici; Semiotica plastica: che cos'è; categorie plastiche; simbolismo plastico; sistemi semi-simbolici.

Da studiare

Slides della lezione

e studiare

Pozzato, Capire la semiotica, cap. 8
Polidoro, Che cos'è la semiotica visiva, cap. 6

Lezione 12 - Analisi in aula (11 aprile 2018).

Argomenti

Analisi in aula: annuncio stampa "Panelli compositi"; spot "Nescafè".

Materiali

Pannelli
Nescafè
Qui trovate il découpage dello spot. Se volete approfondire, potete leggere l'analisi nel libro di Cinzia Bianchi, Spot, Carocci 2005, disponibile anche nella nostra biblioteca.

Per la prossima volta: - riflette sui luoghi in cui si svolgono le varie fasi narrative dello spot Nescafè
- riflettete sul livello della manifestazione audiovisiva, confrontando il découpage e le inquadrature con quanto avviene a livello narrativo
- cominciate a ragionare su questo spot della Volkswagen

Lezioni 13-14 - Valorizzazioni del consumo e filosofie pubblicitarie (17 e 18 aprile 2018).

Argomenti

Valori di base e valori d'uso; il quadrato delle valorizzazioni del consumo di Floch. Le filosofie pubblicitarie di Floch. Esempi in classe.

Da studiare

Slides della lezione
Esercizio sulle valorizzazioni e sulle filosofie pubblicitarie (con soluzioni; per chi non era presente a lezione)

Per la prossima lezione, cominciare in autonomia ad analizzare

- spot della Volkswagen
- annuncio stampa Bmw (il taglio al centro è dovuto alla scannerizzazione)

GUIDA ALL'ANALISI

IMPORTANTE: Linee guida per l'analisi

Competenze che gli studenti devono avere alla fine del corso (Descrittori di Dublino)

Conoscenza e capacità di comprensione: gli studenti devono dimostrare di aver compreso i principali concetti della semiotica del testo, di saperli distinguere e di saperne descrivere caratteristiche e scopi.

Conoscenze applicate e capacità di comprensione: gli studenti devono saper applicare gli strumenti dell’analisi testuale alla comunicazione aziendale; devono cioè saper analizzare un testo (spot, annuncio, affissione, ecc.), una campagna o una strategia di brand con gli strumenti della semiotica; devono saper riconoscere, in questa chiave, le principali caratteristiche di un testo, di una campagna, di una strategia di brand.

Autonomia di giudizio: gli studenti devono essere in grado di selezionare correttamente un corpus di analisi, di scegliere gli strumenti migliori per l’analisi di un testo o di una campagna e di selezionare le informazioni che servono alla loro contestualizzazione.

Comunicazione: gli studenti devono essere in grado di esporre i principi e i metodi della semiotica del testo sia attraverso il linguaggio specialistico della disciplina, sia in modo divulgativo; devono essere in grado di presentare efficacemente i risultati di un’analisi.

Capacità di apprendere: gli studenti devono essere in grado di leggere e comprendere autonomamente saggi e analisi di semiotica, riconoscendone i diversi approcci e selezionando le informazioni e i metodi più adatti ai loro scopi.

Tesi di laurea

Per l’assegnazione della prova finale (lauree triennali) in Semiotica o Semiotica per la comunicazione d’impresa lo studente deve:

È consigliata la conoscenza dell’inglese. Si ricorda inoltre agli studenti di tenere in debita considerazione le scadenze per l’assegnazione della tesi (che deve avvenire alcuni mesi prima della possibile discussione) e il fatto che fra il primo incontro con il docente e l’assegnazione formale possono trascorrere diverse settimane, necessarie per l’elaborazione del progetto di tesi e per le opportune correzioni.